Domenica 28 aprile 2019, la giornata dedicata alla ROMA APPIA RUN, è stata una grande festa dello sport per Roma e per tutto il mondo podistico capitolino.
Circa 7000 i partecipanti alla manifestazione di corsa su strada competitiva sulla distanza dei 13 km e non competitiva sulla distanza di 4 e 13 km, organizzata da ACSI con la collaborazione di ACSI Italia Atletica e di ACSI Campidoglio Palatino, con il patrocinio di CONIFidal, Roma Capitale, Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma, Parco Regionale dell’Appia Antica e Parco Archeologico dell’Appia Antica.
Orgoglioso per il grande successo della gara, Roberto De Benedittis, presidente di ACSI Italia Atletica e organizzatore della manifestazione, ha raccontato cosa vuol dire correre una tra più prestigiose gare dell’intero panorama podistico capitolino, l’unica corsa al mondo a disputarsi su ben 5 pavimentazioni diverse, asfaltosampietrino, basolato lavicosterrato e per finire la pista dello Stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla: «Come ogni anno la Roma Appia Run si lega al mito di Bikila prima medaglia africana nella storia delle Olimpiadi - afferma De Benedittis -. La presenza degli atleti africani ha caratterizzato da sempre la manifestazione. Nei giorni in cui qualcuno distingue la partecipazione degli atleti in base alla provenienza noi siamo fieri di non aver mai percorso questa strada ingiusta e pericolosa».
 
A tagliare per primo il traguardo della XXI edizione della ROMA APPIA RUN 2019 è stato Aziz Laktri della International Security Service, con il tempo di 38:22, ad appena 6 centesimi dal primato assoluto della ROMA APPIA RUN stabilito dallo stesso Lakriti vincitore l’anno scorso; alle sue spalle Hicham Boufars, ancora della International Security Service, con 38:40; terzo Tarik Marhnaoui, della Asd Enterprice Sport & Service con 39:10.
Tra le donne, a spuntarla è stata la giovanissima ugandese Esther Yeko Chekwemoi, classe 2001, che ha fermato il cronometro sui 45:29; al secondo posto l’atleta dell'Esercito Veronica Inglese, al suo ritorno alle gare dopo due anni e mezzo, con 45:49; terza l’atleta ucraina Sofia Yaremchuk con 48:19.
 
Grande soddisfazione manifestata dall'azzurra Veronica Inglese, la più attesa al traguardo dopo una lunga assenza per infortunio: «Sono veramente molto contenta di essere tornata alle gare proprio qui a Roma per l’Appia Run, una gara a cui sono molto legata perchè qui ho vinto tre volte (2011, 2012 e 2016 ndr.), oltre al fatto che l’Acsi Italia che organizza l'evento è il mio precedente gruppo sportivo. Questa gara per me era la prima dopo due anni di stop e ammetto che riattaccare il pettorale è sempre una grande emozione. Soddisfatta di questo risultato, un ottimo secondo posto, che mi fa ben sperare per il mio pieno e completo recupero».
 
Successo anche per l’anteprima dedicata ai più piccoli, i“Fulmine dell’Appia”, una prova sulle distanze dai 30 agli 80 metri che nel pomeriggio di sabato 27 aprile ha richiamato allo stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla centinaia di bambini.
 
Quest’anno la ROMA APPIA RUN è stata partner del VIS, Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, ONG presente in 40 paesi del sud del mondo: la gara non competitiva di 4 km è stata intitolata all'iniziativa “Running for Ethiopia”, una campagna a sostegno del progetto sulla formazione professionale e l’inserimento lavorativo di ragazze, ragazzi e giovani nella Regione di Gambella. La campagna “Running for Ethiopia” è nata dal sostegno offerto a questo progetto dall’ACSI Italia Atletica e dalla Fondazione Mediolanum Onlus che si impegna a raddoppiare i primi 20.000 euro raccolti.
 
ROMA APPIA RUN è stata ancora una volta testimonial della campagna “Alcohol Prevention Race”, per la prevenzione dell’abuso dell’alcool nelle giovani generazioni, promossa dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore della Sanità
.

Anche quest’anno la "Alcohol Prevention Race" sarà la corsa non competitiva dedicata ai giovani per la prevenzione dei rischi causati dall'alcol.

Domenica 28 aprile 2019, nell'ambito della XXI edizione della Roma Appia Run, migliaia di runner correranno attraverso uno tra i più suggestivi percorsi romani la "regina viarum", l'Appia antica, a supporto dell'incremento di consapevolezza e del rafforzamento del messaggio sociale di uno stile di vita più salutare in cui lo sport è valida alternativa all'alcol e al bere, sensibilizzando in particolare i più giovani, quelli per i quali il consumo dovrebbe dovrebbe essere avviato il più tardi possibile e sicuramente mai prima dei 18 anni nel pieno rispetto della legalità.

COMUNICATO STAMPA

Domenica 28 aprile 2019 è il gran giorno della ROMA APPIA RUN, manifestazione di corsa su strada competitiva sulla distanza dei 13 km e non competitiva sulla distanza di 4 e 13 km, organizzata da ACSI con la collaborazione di ACSI Italia Atletica e di ACSI Campidoglio Palatino, con il patrocinio di CONIFidal, Roma Capitale, Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma, Parco Regionale dell’Appia Antica e Parco Archeologico dell’Appia Antica.
Giunta alla 21ª edizione, la Roma Appia Run si conferma una delle più prestigiose gare dell’intero panorama podistico capitolino, l’unica corsa al mondo a disputarsi su ben 5 pavimentazioni diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato e per finire la pista dello Stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla, e anche quest’anno si comporrà di quattro prove:
- Agonistica Km.13: riservata ai tesserati FIDAL, Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI e possessori di RUN CARD, purché in regola con le norme sulla tutela sanitaria dell'attività sportiva e che alla data del 28 aprile 2019 abbiano compiuto il 18° anno d'età.
- Non competitiva Km. 13: Aperta a tutti
- Non competitiva Km. 4: Aperta a tutti
- Fulmine dell’Appia: prove di velocità per i bambini, in programma il 27 aprile 2019 alle ore 15,00 sempre allo Stadio delle Terme di Caracalla.

Parte la campagna “Running for Ethiopia” a sostegno del progetto del VIS, Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, sulla formazione professionale e l’inserimento lavorativo di ragazze, ragazzi e giovani nella Regione di Gambella. In questo territorio è stato rilevato un contesto di conflittualità sociale, determinato dalla presenza di diverse etnie e dalle pressione demografica di quasi mezzo milione di sudsudanesi, fuggiti dalla violenza armata del loro Paese. Per favorire la stabilità e lo sviluppo dell’area, oltre ad interventi di emergenza a favore dei profughi sudsudanesi, risulta necessario supportare anche le comunità ospitanti. Il progetto punta sull’educazione per favorire la coesione sociale tra le varie etnie presenti nel territorio, sulla formazione professionale e l’inserimento lavorativo di ragazzi e giovani.

Ecco la MEDAGLIA della ROMA APPIA RUN 2019! Disegnata dall'artista Desirée Perifano, simboleggia il piede di Abebe Bikila, il basolato lavico dell'Appia Antica e l'arco di Costantino dove arrivò la Maratona Olimpica del 1960. Iscriviti ora su www.appiarun.it #appiarun2019
Se ti iscrivi entro il 31/12 potrai sfruttare la possibilità di correre con un prezzo agevolato. Il 28 aprile 2019 Corri sulla strada più moderna dell'antica Roma!

La Roma Appia Run 2019 si correrà il 28 aprile. Roma ormai ci considera un grande evento e ci è stato richiesto di non coincidere con il circuito automobilistico di Formula E che si terrà il 13 aprile. Un grande riconoscimento per la nostra organizzazione che vogliamo condividere con voi. Grazie alla vostra grande partecipazione faremo anche una bella operazione solidale di cui vi parleremo tra qualche giorno.
Amici di fuori Roma ci sono due bei weekend da sfruttare 25/28 aprile o 27 aprile/1 maggio magari abbinando anche qualche altra gara romana. Dal 1 settembre ci si potrà iscrivere attraverso una App innovativa, ma anche di questo parleremo tra qualche settimana.
Buone vacanze runners!

Pagina 1 di 4

Percorso

Semi dell'etica

Roma Appia Run sostiene

con la campagna

Login

Vai all'inizio della pagina

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito